Come funziona l’algoritmo di Instagram

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su print
Condividi su linkedin

L’algoritmo di instagram è cambiato, davvero credi che qualcuno conosca l’algoritmo di Mark Zuckerberg? Molti creator o guru dicono che conoscono l’algoritmo e sanno come funziona per poi venderti un ebook o video corso ma in realtà sono solo dei bufalari.

Per capire come “funziona l’algoritmo” di Instagram bisogna fare tantissimi test con i profili, con le foto, con igtv e i reel. Bisogna testare e provare in continuazione, farsi bannare decine di account perché sbagliando si impara. In questo articolo leggerai una mia sintesi della live di ieri, 10/02/2021 , in cui Veronica Civiero ( Manager di Facebook ) e Ninjalitis ( esperti di Instagram ) hanno discusso di come funziona questo social.

Ogni interazione: like, save, commenti, hashtag, condivisioni e tempistiche hanno un loro valore in base alla nicchia perché ogni utente ha un comportamento differente. Può capitare che un profilo abbia delle visualizzazioni più basse o alte perché instagram cerca di spingere più i reels rispetto alle foto in un determinato periodo, ma questo non si può conoscere a prescindere perché bisogna sempre fare dei test.  Il tool di Ninjalitics aiuta a farti comprendere ciò con dei report da analizzare.

Non esiste una ricetta certa su come aumentare i follower e diventare “famosi sul web” perché non è possibile comprendere immediatamente le modifiche apportate da instagram nel tempo.

Molto dipende dai tuoi contenuti, se fai copia incolla di un post perché gli utenti dovrebbero interagire con te e influenzare in meglio il tuo account se l’hanno già visto altrove?

algoritmo di instagram

Se un influencer ha un calo di impression e non ha mai usato trucchi come “bot, gruppi dm, gruppi telegram, tecnica mother – child o profili con liste di scambio” che influiscono negativamente sulla crescita organica, la motivazione è da studiare nello storytelling del suo personaggio, nel rapporto con la community e se ha costruito una relazione genuina con l’audience.

Una domanda da porsi è come state usando la piattaforma, fai il furbo oppure giochi onestamente? Qual è il tuo obiettivo? In base a cosa cerchi di raggiungere dovrai analizzare alcune metriche rispetto ad altre. Instagram ti ricompensa se utilizzerai il social correttamente premiandoti con dei boost (tramite hashtag, la funzione esplora e i filtri AR ) verso nuovi utenti. Il mio consiglio personale è puntare sulle condivisioni e i save tramite per esempio: freebe, challenge, filtri in realtà aumentata e contest.

Se riesci a entrare nella sezione esplora hai più possibilità di diventare virale e aumentare le chance di raggiungere nuove persone interessate ai tuoi contenuti.

Tutti i social media funzionano con il machine learning, cosa significa? Instagram e facebook, prendono dei dati e li integrano nei loro ecosistemi, grazie agli input ricevuti fanno delle assunzioni. Quindi se pubblichi un feed instagram saprà che:

  • Pubblichi un contenuto X
  • Parli a una nicchia Y
  • Interessi a degli utenti Z
  • Hai un certo potenziale in riferimento ai fattori menzionati precedentemente

Integra il tutto e dai nuovi segnali che ottiene prelevando dei feedback in seguito ai suoi calcoli prosegue con questa procedura. Più tempo passa e più informazioni accumula, si ottimizza e fa dei test sugli account. I risultati sono sempre in aggiornamento soprattutto se un profilo tratta più tematiche e interagisce molto sul social. Anche instagram fa gli A/B test per migliorare e commettere meno errori. Il tutto non è un input / output, sarebbe una sintesi troppo semplificata per un social in continua evoluzione.

Alcuni trick è di non interrompere la pubblicazione di contenuti perché Mark Zuckerberg vuole che il mostro di instagram sia sempre alimentato altrimenti usare il social in modo intermittente potrebbe fornire risultati altalenanti e di conseguenza report non affidabili al 100% , soprattutto se le foto o i video diffusi non sono interessanti per il tuo target e quindi acquisirai esiti differenti in base al contenuto.

Le oscillazioni di like, commenti ecc.. sono ovviamente il risultato della tua crescita organica ma non esiste solo questo, se hai del budget per i tuoi profili puoi sempre fare advertising dal business manager di facebook.

Un grazie a Yari Brugnoni e Veronica Civiero per la splendida live che potete vedere qui

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su google
Condividi su print
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp